Home Rubriche Notizie Mochene LA CEREALICOLTURA IN VALLE DEI MOCHENI

LA CEREALICOLTURA IN VALLE DEI MOCHENI

262

I cereali erano alla base dell’ alimentazione tradizionale contadina della valle dei Mocheni. Le mappe catastali del 1856 mostrano come i pendii della valle fossero costellati da campi che, in estate, si tingevano d’oro.
Principalmente si coltivavano segale, orzo, avena e, nelle zone soleggiate, mais e frumento. La segale, tipico cereale di montagna, molto resistente al freddo, capace di crescere anche su terreni aridi era abbondantemente presente in Valle da secoli. Fino alla fine del XVII secolo, come si apprende da vari documenti storici, i tetti dei fienili erano in paglia di segale, sostituita successivamente da scandole di larice. Con l’orzo intero si cuocevano soprattutto minestre, mentre, tostato e macinato, si usava per il caffè; l’avena invece era destinata all’alimentazione animale. La grande importanza che per secoli i cereali hanno rivestito nell’economia locale si riflette nell’architettura e in cognomi e soprannomi. (Corn, Milpòch).