Home Rubriche Notizie Ladine L’ ARTIGIANATO IN VALLE DI FASSA

L’ ARTIGIANATO IN VALLE DI FASSA

246

Ancora oggi in Valle di Fassa sono molte le botteghe artigiane dove si creano pezzi unici, interamente eseguiti a mano. Principalmente si producono maschere, giocattoli, arredi, sculture e statue in legno. Una sapiente arte che viene tramandata di generazione in generazione, nata secoli fa più per necessità che per passione.
Una volta infatti, durante i lunghi inverni, i lavori nei campi venivano sospesi e i contadini si dedicavano ai piccoli lavori artigianali. Nel XVI secolo sono nate le prime botteghe artigiane specializzate; spesso però questi artigiani erano costretti a spostarsi fuori dalla valle per integrare le loro entrate.
Nell’Ottocento per via delle guerre, delle malattie e dei raccolti scarsi le condizioni di vita degli abitanti della Valle di Fassa peggiorarono ulteriormente, così molti artigiani emigrarono. Soprattutto i “pitores”, i pittori ambulanti che attraversavano i passi dolomitici per andare verso nord in Austria e Germania; arrivando a lavorare sia nel Vorarlberg, in Tirolo, nel Salisburghese e nella Baviera meridionale, così come in Stiria e in Carinzia. Loro tracce sono state trovate anche in Svizzera e Ungheria. Cartoline postali, non di rado dipinte a mano, testimoniano le mete da loro raggiunte, i contatti e le loro esperienze.
Oggi, ogni centro della valle conserva le sue botteghe di pittura e scultura lignea, dove abili artigiani creano con metodi antichi pezzi unici interamente eseguiti a mano. Alcuni trasfigurano temi tradizionali in chiave moderna, altri si cimentano in tecniche innovative, pur restando sempre fedeli al concetto di artigianato. La grande tradizione artigianale viene tramandata e valorizzata anche grazie alla Scuola d’Arte di Pozza di Fassa, dove si formano gli scultori e gli artisti locali. Interessante la produzione delle maschere lignee (“faceres” in lingua ladina) tipiche della tradizione carnevalesca, senza dimenticare comunque la produzione di sculture artistiche e dei prodotti di artigianato che ancora oggi rappresentano una delle note caratteristiche della Val di Fassa.