Home Rubriche Notizie Ladine LA LINGUA LADINA

LA LINGUA LADINA

232

La loro storia dei ladini è lunga secoli. Inizia quando i Romani conquistano le Alpi abitate dai Reti e si mescolano con gli antichi abitanti delle terre cosìdette “alte”. Sembra quindi che il ladino derivi dall’idioma parlato dalle popolazioni del Norico rifugiatesi nelle vallate delle Alpi orientali a partire dal V secolo, fuggendo dalle invasioni dei Rugi, degli Avari e degli Slavi. Questi gruppi, unitisi alle preesistenti etnie celtiche (breoni), erano indicati dalle popolazioni di lingua tedesca come Welsch (opponendoli a se stessi e ai Windisch, gli Slavi), mentre essi stessi si definivano latini (da cui il termine dialettale ladin).
In questa fusione di popoli si forgiò il ladino, lingua neolatina al pari dell’ italiano, dello spagnolo, del francese e del rumeno.
Allora la Ladinia era grande divisa oggi in tre zone: i Grigioni della Svizzera, il Friuli a est e al centro delle Alpi l’area dolomitica delle 5 valli raccolte attorno al massiccio del Sella.
In valle di Fassa i ladini sono circa 8mila persone. Un popolo contraddistinto da un forte senso di comunità e da un legame intenso con il territorio e la montagna.