Home Rubriche Notizie Ladine MERANO INCONTRA LA LADINIA

MERANO INCONTRA LA LADINIA

213

“Maran incunta la Ladinia” (Merano incontra la Ladinia): è questo il titolo delle due settimane di eventi a cavallo tra settembre e ottobre per promuovere la conoscenza della lingua e della cultura ladina in una terra di confine come l’Alto Adige dove da sempre convivono popoli e culture diverse.
Il ladino, terza lingua parlata in Alto Adige, la più antica di tutta l’area dolomitica viene spesso dimenticata ed è quindi interessante creare eventi e manifestazioni che permettano approfondirne la conoscenza.
La lingua ladina è nata durante le invasioni romane dalla fusione del linguaggio celtico/retico con il latino ‘volgare’, si è poi sviluppata nel primo secolo dopo Cristo in tutto l’arco alpino. A quei tempi il ladino era la lingua più diffusamente parlata nelle Alpi, dal Danubio fino al Garda, dal Canton Ticino fino a Trieste. Soltanto più tardi, con la colonizzazione da parte delle genti baiuvare e longobarde, il ladino si è ritirato nelle valli nelle quali ancora oggi viene parlato.
Merano con questo articolato evento culturale permette a cittadini e ospiti di conoscere meglio la lingua, la cultura, gli usi e i costumi della gente ladina.
Il programma propone mostre, corsi di lingua, letture, film e spettacoli che si terranno un po’ in tutta la città e in collaborazione con i sodalizi meranesi e le più importanti istituzioni ladine (la ripartizione provinciale all’istruzione e alla cultura ladina, il Museum Ladin Ćiastel de Tor e l’Istitut Ladin Micurá de Rü).
Le settimane culturali ladine verranno inaugurate ufficialmente il 24 settembre al Pavillon des Fleurs con la presentazione del programma dettagliato della rassegna e un breve excursus sulle radici ladine della città di Merano.
La rassegna che andrà avanti fino al 7 ottobre vedrà la partecipazione di numerosi artisti, autori e musicisti ladini, dell’associazione Upad, del Museo delle Donne, dell’Accademia di studi italo-tedeschi, della Mediateca, dell’Ost-West-Club, del liceo artistico Cademia, della scuola di lingue Alphabeta e della Merano Galoppo: in occasione del Gran Premio di Maia gli artisti e le artiste partecipanti alla mostra UNIKA esporranno loro opere all’ippodromo, dove si esibiranno anche le bande musicali ladine con oltre 300 musicisti.