Home Notizie SCRITORES LADINS: LA LETTERATURA LADINA

SCRITORES LADINS: LA LETTERATURA LADINA

238

Il panorama editoriale dedicato alla letteratura ladina si arricchisce di nuova pubblicazione dell’Istituto culturale ladino di Fassa, si tratta del libro: “Scritores ladins. Materiali per la storia della letteratura ladina di Fassa” di Fabio Chiocchetti. Un’ opera nata principalmente per motivi di ordine pratico, ossia per offrire ai docenti e ai futuri insegnanti della Scuola di Fassa uno strumento di facile consultazione nel quale reperire testi e informazioni concernenti le varie tappe che dal primo ‘800 ad oggi hanno visto il ladino fassano fare la sua apparizione nel panorama della letteratura ladina.
In un unico volume sono raccolti i contributi a carattere linguistico e letterario sparsi in varie annate di “Mondo Ladino” e in altre pubblicazioni, prodotti in quarant’ anni di attività da Fabio Chiocchetti, ad oggi direttore dell’Istituto Culturale Ladino.
“Materiali di lavoro” resi accessibili al vasto pubblico grazie alla raccolta di una serie di testi ladini antichi e moderni, inediti o di difficile reperimento, secondo un programma editoriale già delineato alla nascita dell’ICL dal compianto prof. Luigi Heilmann. Studi riveduti e corretti che saranno strumenti di lavoro per insegnanti e studenti che hanno scelto o sceglieranno di partecipare ai corsi di Alta Formazione “Antropolad”, promossi dagli Atenei di Bolzano e di Trento.
I saggi, in italiano e ladino, sono disposti in ordine cronologico al fine di tracciare quanto meno l’idea di un percorso storico coerente: essi focalizzano l’attenzione essenzialmente sulle testimonianze scritte documentate nel corso dell’Ottocento (Parte Prima), sulla fase dell’impegno “militante” del primo Novecento (Parte Seconda), nonché sulla straordinaria fioritura del secondo Dopoguerra (Parte Terza), giungendo fino a ridosso della contemporaneità.
Un’opera importante che venerdì 12 ottobre alle 17:30m presso l’Istituto Comprensivo Ladino verrà presentata in anteprima ai docenti e ai futuri insegnanti della scuola ladina di Fassa.