Home Rubriche Notizie Ladine ANTICHE USANZE LADINE PER IL MESE DI NOVEMBRE

ANTICHE USANZE LADINE PER IL MESE DI NOVEMBRE

229

Nel mese di novembre tradizionalmente la gente ladina svolgeva alcuni particolari lavori in previsione dell’inverno: raccogliere la legna da ardere, preparare i crauti, tosare le pecore e iniziare a filare la lana. Nelle case venivano chiamati a giornata, il calzolaio e la sarta.
L’autunno era anche la stagione in cui il duro lavoro dell’estate veniva ripagato. Era questo il periodo dell’anno in cui si raccoglievano i frutti di tutte le fatiche. Il fieno prodotto in alta quota veniva portato a valle e sistemato nei fienili accanto alle stalle. La legna raccolta nei boschi veniva accatastata accanto alle case e alla stalla, pronta per essere utilizzata. Dall’ orto si raccoglievano i cavoli che poi diventavano crauti da consumare come contorno in inverno. I cavoli venivano tagliati a listarelle sottili e posti insieme a spezie e pezzi di mele all’interno di botti dove lo zucchero per fermentazione si convertiva in acido lattico. Un alimento ricco di vitamine e con poche calorie che diventava il contorno ideale della cucina contadina spesso ricca di grassi animali. Le patate venivano messe al buio in una cantina per essere consumate durante i mesi invernali. La carne di maiale veniva appesa e affumicata per conservarsi per lunghi periodi. Sempre in autunno si tosavano le pecore e dalla lana si ricavavano i filati per la lavorazione di maglie e abiti pesanti. Un lavoro svolto dalle donne che spesso si riunivano in gruppo per raccontare storie e cantare insieme durante quest’attività.