Home Rubriche Notizie Ladine LA VERA STORIA DI MADDALENA DE VALENTIN DA VAL

LA VERA STORIA DI MADDALENA DE VALENTIN DA VAL

572

La storia “vera” di Maddalena de Valantin da Val, regola di Vigo, raccontata da Ursina e Dorothea. Questa donna è passata dalla storia alla leggenda come la più malvagia e potente di tutte le streghe fassane: la strega Pilatona, portata al rogo a Bressanone in un paiolo di rame.
Nella realtà ebbe il torto di essere benestante, avendo sposato in seconde nozze l’oste di Pozza, Gregorio Pilat. Perciò negli atti è citata spesso come Maddalena Pillatin. Il suo è uno dei processi più corposi ed inquietanti tra quelli conservati negli archivi. La sua vicenda storica è riferita nel romanzo “I Misteri del Cjaslir” in controluce rispetto alla trama portante.
Già nel 1617 erano sorte dicerie nei confronti dei due tenutari della locanda, sita a Pozza nei pressi della casa De Rossi (oggi strada Dolomites). Si riteneva che la loro ricchezza provenisse dal possesso di mezzi magici: “semenze di felce”, un gomitolo di filo che “fioriva” prodigiosamente, e soprattutto delle strane “pope” (bambole), simulacri diabolici che a richiesta fornivano denaro in abbondanza. Un vero e proprio “Patto col Diavolo” che portava denaro e fortuna, in cambio dell’ anima. Allora a tali dicerie le autorità non diedero credito, ma dieci anni dopo i due non ebbero scampo.
Ripetutamente torturata, Maddalena resistette fino allo strenuo. Prima nega, ammette e ritratta, infine capitola e confessa ogni sorta di delitti. In uno dei primi interrogatori gli chiedono di quando era sposata a Soraga col primo marito, dal quale aveva due figli: gli chiedono conto del figlio più piccolo, Antonio, che era morto o scomparso in circostanze strane. Non sono domande di circostanza: qualcuno sospetta un infanticidio per mano delle streghe. Gli atti registrano freddamente la reazione di Maddalena: la donna si batte ripetutamente il ventre. Anche Dorothea de Freina ha perduto un bambino, neonato per giunta, avuto da nubile con un uomo sposato. L’ ideale per un sacrificio rituale: le streghe – secondo il Malleus maleficarum – ne mangiavano le carni durante i loro ritrovi notturni, e ne bollivano le ossa per ricavare l’unguento necessario per i loro sortilegi. Dorothea sa, conosce quel dolore indicibile di madre, e conosce il peso di quelle infamanti accuse. E allora racconta. Racconta la “vera” storia di Maddalena de Valantin, detta la Pilatona. Se questa è una strega…
Il testo integrale è possibile leggerlo nel libro “I Misteri del Cjaslir”.