Home Rubriche Notizie Ladine LA VALLE DI FASSA VINCE AGRIACADEMY CON IL “DOLOMITEAS”

LA VALLE DI FASSA VINCE AGRIACADEMY CON IL “DOLOMITEAS”

261

L’imprenditrice della valle di Fassa Nadia Laura Pitto con le sue piante officinali biologiche da cui ricava tè, tisane e infusi ha vinto il premio nazionale AgriAcademy, il progetto di alta formazione ideato e sviluppato da Ismea in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole.
Il progetto «DolomiTeas» di Nadia Pitto, realizzato con il contributo di altri 9 giovani innovatori del settore agrifood, si rivolge ai turisti delle Dolomiti che in loco con eventi ed esperienze in campo fidelizzano il prodotto che continuano ad acquistare anche una volta tornati a casa.
Per il futuro c’è l’idea di creare una piattaforma che, connettendosi con i wearables (misuratori da polso), consente all’utente di costruire la sua preparazione galenica o erboristica su misura in base ai dati del proprio stato di salute.
La 37enne imprenditrice di origini genovesi ma trasferitasi in valle di Fassa, dopo aver lasciato il posto fisso come architetto dell’ufficio tecnico di Moena, ha scelto di dedicarsi alla coltivazione biologica di fiori e piante officinali. Una passione che aveva già da anni e che sperimentava nell’orto di casa e che poi con l’appoggio della famiglia e con la giusta formazione professionale è diventata realtà.
Il campo della sua azienda “Fiores” si trova a Vigo di Fassa a 1.350 metri di quota. Tra le sue coltivazioni una grande varietà di officinali ed erbe aromatiche come menta, melissa, stella alpina, arnica, iperico, calendola, fiordaliso, monarda, camomilla, lippia, lavanda, achillea, altea, malva, issopo, timo, santoreggia, basilico di montagna, dragoncello, erba aglina, levistico, eonotera, finocchio, salvia, rosa canina, salvia melone, ribes nero.
Con l’aiuto dei corsi promossi dall’Istituto di San Michele e attingendo alla tradizione dei nostri avi che si curavano con le erbe mediche ha iniziato a sperimentare, riuscendo ad ottenere la certificazione biologica europea. Ed ora anche il successo con la vittoria dell’Agriacademy 2018.