Home Rubriche Notizie Ladine IL BRACEDEL: UNA RICETTA PER IL CAPODANNO LADINO

IL BRACEDEL: UNA RICETTA PER IL CAPODANNO LADINO

1744

Il  bracedel, anche detto bracel, è un pane dolce che in Valle di Fassa viene cucinato spesso durante le festività natalizie. E’ tradizione che i padrini e le madrine di battesimo, i “nogn” e le “none“, lo regalino ai loro figliocci e figliocce quando si presentano per gli auguri di buon anno nella giornata di Capodanno.

I bambini, infatti, bussano alla porta, e dicono: “Bondì, bombona a mi” ossia “Buongiorno, la bombona a me”. Per  bombona si intende il regalo che i padrini e le madrine fanno ogni primo dell’anno ai loro figliocci e figliocce, di solito fino alla maggiore età.

Il sito della Provincia di Trento dedicato alle minoranze linguistiche ricorda la ricetta del bracedel. Eccola:

Ingredienti per 6 persone:

1 kg di farina di frumento
15 gr. di lievito di birra
200 gr. burro
200 gr. di zucchero
4 uova intere
uva sultanina a piacere

Sciogliere il lievito di birra in poca acqua tiepida e impastare la farina, aggiungendo man mano tutti gli altri ingredienti, lavorando bene l’impasto con le mani.
Lasciare quindi lievitare l’impasto per almeno due ore, ricoperto da un panno, possibilmente ad una temperatura di 26 gradi. Impastare una seconda volta e lasciare ancora lievitare per almeno 45 minuti, quindi versare la pasta in una normale tortiera e metterla in forno preriscaldato a 170/180 gradi, lasciando cuocere per una quarantina di minuti.
Verso fine cottura, spennellare l’impasto con acqua e zucchero.