Home Notizie ITAS IMPLACABILE: ANNIENTA PERUGIA E SI PRENDE LA TESTA DELLA CLASSIFICA

ITAS IMPLACABILE: ANNIENTA PERUGIA E SI PRENDE LA TESTA DELLA CLASSIFICA

288

Secco 3-0 per i ragazzi di Lorenzetti che alla BLM Group arena mettono ko la Sir Safety Perugia e conquistano la testa della classifica. 25-23, 25-19, 35-33 i parziali del match.

Gli starting six non riservano sorprese, con i due allenatori che confermano quelli previsti alla vigilia; Lorenzetti dispone Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic e Russell in banda, Lisinac e Candellaro al centro, Grebennikov libero mentre Bernardi sceglie De Cecco al palleggio, Atanasijevic opposto, Leon e l’ex Lanza (premiato prima del fischio d’inizio) schiacciatori, Podrascanin e Galassi al centro, Colaci libero. L’inizio è scoppiettante, con le due formazioni che scattano alla grande dal blocchi di partenza regalando grande spettacolo; ad avere l’impatto migliore è Trento che con un muro di Candellaro e il contrattacco di Kovacevic volta sul +2 (8-6), che diventa +4 nel momento in cui Lisinac va in zona di battuta (due ace per il 12-8 – time perugino). A ricomporre lo strappo ci pensano i servizi di Leon (13-12). Il muro di Podrascanin su Russell regala la parità a quota 15; l’Itas Trentino ha ancora benzina per schizzare via sul 18-16, prima di essere ripresa sul 20-20. Allo sprint il muro di Lisinac su Atanasijevic offre due palle set ai gialloblù (24-22), che sfruttano la seconda (errore di Lanza) per portarsi avanti 1-0 (25-23).
Perugia reagisce in maniera veemente in avvio di secondo parziale, volando subito sull’1-4 che poi diventa 2-6 quando anche Atanasijevic realizza break point in attacco. Candellaro col servizio ricuce parzialmente lo strappo (5-8), poi ci pensano Kovacevic e Lisinac (muro a uno su Podrascanin) a scrivere la parità (9-9, time out Bernardi). Al rientro in campo Trento continua ad essere efficace in fase di break point e con i muri di Lisinac e Russell scappa via sul 15-12, momento in cui Bernardi richiama in panchina il proprio opposto serbo. Hoogendoorn, il suo sostituto, mette a terra qualche buon pallone (19-16), ma Giannelli non concede nulla e guida la sua squadra verso il 2-0, che si materializza già sul 25-19 con un Russell ispirato in attacco.
Con le spalle al muro, la Sir Safety Conad (di nuovo con Atanasijevic in campo) parte a spron battuto anche nel terzo set (4-7). Il time out di Lorenzetti rischiara le idee ai suoi, perché alla ripresa Trento pareggia i conti già a quota 8 con battuta e muro. La contesa prosegue a strappi (10-12 e 13-13), poi l’Itas Trentino prende il largo (18-15) approfittando dell’ottimo momento in battuta di Candellaro e Kovacevic. Leon in battuta pareggia i conti a quota 20, da lì in avanti è una guerra di nervi che porta le due squadre ai vantaggi (24-24). Trento annulla tre palle set, per poi guadagnarne sette e chiudere proprio sul 35-33 con un contrattacco di Vettori.