Home Notizie MORI: MORTO IVAN ZUCCHELLI CONDANNATO PER L’ OMICIDIO DI DANIELA SABOTIG

MORI: MORTO IVAN ZUCCHELLI CONDANNATO PER L’ OMICIDIO DI DANIELA SABOTIG

255

E’ morto ieri all’hospice di Mori, stroncato da una malattia incurabile, Ivan Zucchelli, l’imprenditore rivano di 55 anni anni condannato in via definitiva per l’omicidio della farmacista friulana Daniela Sabotig, uccisa a Pieve di Ledro nel 2013.
Zucchelli era agli arresti domiciliari dallo scorso luglio proprio per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Doveva scontare una condanna a 30 anni di reclusione. La vittima 53enne e disabile venne uccisa la notte del 4 febbraio del 2013 a Riva del Garda. Zucchelli era stato condannato per aver inscenato con premeditazione un incidente stradale allo scopo di nascondere il delitto.
Per i giudici i traumi che erano stati riportati dalla donna non sarebbero stati compatibili con gli urti avvenuti all’interno dell’auto durante la caduta nella scarpata.
Zucchelli, questa la tesi degli inquirenti, l’avrebbe uccisa colpendola prima con un bastone per poi gettarla con l’auto nella scarpata. Nella sentenza definitiva della Cassazione l’imprenditore rivano veniva descritto come un uomo senza scrupoli, che per anni aveva sfruttato una donna ritenuta psicologicamente e fisicamente fragile e a cui avrebbe sottratto 600mila euro, soldi utilizzati per giocare in borsa. Inoltre avrebbe stipulato due polizze sulla vita della farmacista.
L’idea dell’omicidio sarebbe balenata nella mente del 55enne dopo che la Sabotig aveva disdetto una disposizione bancaria mensile a suo favore, capendo di essere stata in qualche modo truffata.
La sentenza aveva anche confermato il risarcimento a favore dei parenti della vittima che la Corte di Appello aveva quantificato in 900mila euro.