Home Notizie ELEZIONI 2020: A TRENTO VA CONSOLIDANDOSI LA VITTORIA DI IANESELLI, VERSO I...

ELEZIONI 2020: A TRENTO VA CONSOLIDANDOSI LA VITTORIA DI IANESELLI, VERSO I BALLOTTAGGI A ROVERETO, RIVA E ARCO. A CAMPODENNO SCONFITTA PER FRANCO PANIZZA. PLEBISCITO A MEZZOCORONA PER HAUSER

138

Dai primi risultati a Trento – dove sono state scrutinate 64 su 98 sezioni si consolida una vittoria di Franco Ianeselli candidato del centro sinistra autonomista al momento al 54,23%. Andrea Merler supportato dalla Lega e dal Fratelli d’Italia è al 30,52%.
Il candidato sindaco Marcello Carli con la sua proposta di centro al momento si trova al 5,33%.

Poi c’è Si può Fare con Silvia Zanetti con il 3,82%.

Onda Civica con Filippo Degasperi, fuoriuscito dal Movimento 5 Stelle segue con il 2,46%.
La candidata pentastellata Carmen Martini per ora è al 2,41%.

Rifondazione Comunista e Giuliano Pantano sono all’1%.
Ultimo posto per Franco Bruno del Movimento La Catena con lo 0,24%.

A Rovereto si profila un ballottaggio tra il sindaco uscente francesco valduga 47,86% sostenuto da Pd e liste civiche e Andrea Zambelli per il centrodestra al 31,73% quando sono state scrutinate 13 su 32 sezioni.

Verso una riconferma Roberto Oss Emer a Pergine – pder ora al
60,38% con 14 su 21 sezioni scrutinate.
Ad Arco con 8 sezioni scrutinate su 12 si profila un ballottaggio tra il sindaco uscente Alessandro Betta con il 33,38% e il candidato del centrode3stra Giacomo Bernardi al 24,22% delle preferenze.

Stesso scenario a Riva del Garda dove Adalberto Mosaner è per il momento al 35,70% e potrebbe vedersela al ballottaggio con Cristina Santi sostenuta dal centrodestra che ha superato il 33%.

Clamorosa sconfitta invece a Campodenno per Franco Panizza battuto dal sindaco uscente Daniele Biada.
Il presidente del Patt ha ottenuto il 49.51% delle preferezne ed è stato sconfitto per 10 voti dal sindaco uscente, riconfermato con il 50,49 dei voti.

Plebiscito per Mattia Hauser, sindaco uscente a Mezzocorona. il 90,60% dei cittadini ha votato per la riconferma del primo cittadino.

Un divario enorme tra Hauser che si porta a casa 2.517 voti e Lucio Luchin che si ferma a 261 preferenze, il 9,40%.