Home Rubriche Notizie Cimbre VERSO LA RATIFICA DELLA CARTA EUROPEA DELLE LINGUE MINORITARIE

VERSO LA RATIFICA DELLA CARTA EUROPEA DELLE LINGUE MINORITARIE

371

Passo in avanti verso l’attesa ratifica della Carta europea delle lingue regionali e minoritarie.
Si tratta di un trattato siglato a Strasburgo 28 anni fa che punta a tutelare e salvare dall’estinzione le lingue regionali o minoritarie come parti del patrimonio culturale europeo e a promuoverne l’uso nella vita pubblica e privata. Il documento è stato firmato da una trentina di Stati fra cui, nel 2000, l’Italia dove però non è ancora entrato in vigore.
Adesso qualcosa si è mosso perchè nelle apposite commissioni riunite del Senato è iniziato l’esame del disegno di legge della senatrice della Valle di Fassa, Elena Testor per la ratifica della Carta Europea.
La parlamentare ladina ha spiegato che l’applicazione del trattato prevede una serie di attività, ma anche il controllo e il rendiconto sul compimento effettivo di questi impegni e sui risultati conseguiti.
E’ stato deciso di riunire in un unico testo quattro disegni di legge in modo da semplificare la trattazione, poi ci saranno le audizioni e quindi, emergenza Covid permettendo, si dovrebbe arrivare all’approvazione in tempi relativamente brevi. Decisivo per imprimere un’accelerata dopo 20 anni di attesa è stato il convegno sulle minoranze promosso dalla senatrice ladina a febbraio. Secondo Testor sono proprio i rappresentanti delle minoranze a dover tenere alta l’attenzione su un patrimonio di ricchezza culturale e diversità che altrimenti rischia di non essere compreso.