Home Notizie TRENTINO, DOMANI DECADE L’ORDINANZA 54, RIAPRONO I NEGOZI LA DOMENICA, MASCHERINA SOLO...

TRENTINO, DOMANI DECADE L’ORDINANZA 54, RIAPRONO I NEGOZI LA DOMENICA, MASCHERINA SOLO VICINO A NON CONVIVENTI

147

Fra gli annunci di oggi della giunta, il decadimento, come previsto dal 3 Dicembre, dell’Ordinanza numero 54 del 16 Novembre, che aveva inasprito il DPCM governativo del 4 Novembre con misure aggiuntive per la Provincia, nonostante l’inserimento in zona gialla. Da domani, dunque, decadono le relative restrizioni, ovvero:
PER ATTIVITA DI RISTORAZIONE E PUBBLICI SERCIZI: La limitazione del tempo di permanenza nel locale a massimo 1 ora e 30 minuti; fra i tavoli di 1 metro (salvo per conviventi) e il distanziamento fra clienti di almeno 1 metro; il rapporto persone/superficie di 4 persone per 10 mq rispetto alla superficie adibita alla zona di consumazione; il divieto di mettere a disposizione dei clienti menù cartacei, giornali, riviste e libri; il divieto dopo le 15 di servizio al banco; l’asporto possibile solo su prenotazione e l’accesso nella zona di consegna limitato ad un solo cliente alla volta; il divieto di servire cibo a buffet.
PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI: Decade il limite di accesso ad una sola persona per nucleo familiare o soggetti conviventi (salva la necessità di accompagnare persone con difficoltà o minori di età inferiore a 14 anni).
PER L’ATTIVITA’ MOTORIA E SPORTIVA ALL’APERTO: Decade l’obbligo di svolgerla preferibilmente presso parchi pubblici, aree verdi, rurali e periferiche nel rispetto della distanza di sicurezza
interpersonale di almeno 2 metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività.
PER I MERCATI: Decade la norma per cui si potevano tenere nei Comuni nei quali fosse adottato dai Sindaci un apposito piano, consegnato ai commercianti, con prescrizioni minimali come la perimetrazione quando possibile, un unico varco di accesso separato da quello di uscita, sorveglianza pubblica o privata e applicazione dei protocolli/linee guida anti-Covid19.
PER IL CONSUMO DI CIBI E BEVANDE ALL’APERTO: Decade il divieto di consumazione all’aperto, su area pubblica o aperta al pubblico (salvo che sui tavoli degli esercizi).
PER I LUOGHI DI CULTO: Decade l’obbligo di rispettare la distanza interpersonale di 2 metri e la capienza massima prevista per ciascuno.
PER CENTRI COMMERCIALI E GRANDI SUPERFICI DI VENDITA: Da domani non saranno più chiuse al pubblico le grandi e medie strutture di vendita nei giorni prefestivi (facevano eccezione farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, tabaccherie, edicole e alimentari)
PER LE LIMITAZIONI FESTIVE: Potranno riprendere le vendite (facevano eccezione al divieto farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, tabaccherie ed edicole) e potranno tenere aperto i negozi di generi alimentari.
PER QUANTO CONCERNE L’USO DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE DELLE VIE AEREE (MASCHERINE): Non sarà più obbligatorio indossarle sempre all’aperto, ma bisognerà averle sempre con sé e indossarle quando ci si avvicina a persone non conviventi.