Home Notizie CASE ITEA, PER IL VINCOLO DEI DIECI ANNI ORA LA PROVINCIA DEVE...

CASE ITEA, PER IL VINCOLO DEI DIECI ANNI ORA LA PROVINCIA DEVE PAGARE

118

Il requisito dei dieci anni di residenza in Italia per poter richiedere l’alloggio popolare Itea in Trentino è illegittimo. Lo ha stabilito lo scorso settembre una senteza del tribunale di Trento. Il giudice Giorgio Flaim, ha accolto il ricorso promosso dall’ l’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione e dal cittadino etiope Daniel Bekele, dell’assemblea Antirazzista.
La Provincia però ha deciso di non fermarsi: ha fatto ricorso e parallelamente chiesto la sospensione cautelare del provvedimento.
Sospensione che è stato bocciata dalla corte di Appello. Ora Piazza Dante rischia di pagare 50 euro al giorno all’ASGI a partire dal primo di dicembre come sanzione per il ritardo nel disapplicare l’ordinanza del giudice. Secondo i ricorrenti il requisito dei dieci anni di residenza in Italia richiesto dalla legge provinciale numero 5 del 2019 per accedere agli alloggi pubblici mostrava palesi effetti discriminatori e portava all’esclusione di molti cittadini stranieri anche se inseriti da tempo nel contesto nazionale e trentino.
Il Comune di Trento già ad ottobre di sua iniziativa ha deciso di rendere esecutivo il provvedimento, un azione che l’Assemblea Antirazzista vorrebbe vedere applicata su tutto il territorio provinciale.