Home Notizie SABATO E DOMENICA NO-PASS DI NUOVO IN PIAZZA

SABATO E DOMENICA NO-PASS DI NUOVO IN PIAZZA

227

Quinto sabato di manifestazioni, oggi per i movimenti contrari al green pass. A Trento si tornerà a protestare (con autorizzazione della questura) dalle 17:30 in Piazza Dante, per poi avviare l’ormai consueto corteo per le strade della città (attenzione a possibili stop momentanei al traffico in particolare in Corso III Novembre, Via Perini e Via Giusti verso le 18:30-19) al grido di “libertà” e “giù le mani dai bambini”. I manifestanti difendonol’autodeterminazione e il diritto al in particolare di sanitari e insegnanti, che senza vaccino (i primi) o senza green pass (i secondi) rischiano la sospensione senza stipendio almeno fino al 31 dicembre. In Alto Adige proprio ieri sono stati sospesi altri 680 sanitari obiettori, oltre ai 399 che già erano stati allontanati dal posto di lavoro. In Trentino, l’Aazienda Sanitaria ha annunciato, dalla settimana prossima, la sospensione di un centinaio di camici bianchi: medici, infermieri e oss che lavorano in azienda, ma anche nelle RSA, che rischiano di pagare il prezzo più alto, non essendoci personale extra da poter chiamare per le sostituzioni. Un problema che sta frenando le sospensioni in tutta Italia. Il 23 luglio il governatore veneto Luca Zaia aveva annunciato l’intenzione di non applicare la normativa – su cui pendono fra l’altro ricorsi in decine di tribunali italiani – proprio per la difficoltà di trovare personale aggiuntivo per garantire i servizi.
Appuntamento alle 18 anche in Piazza Walther a Bolzano, dove però si punta più sull’evento di domani, organizzato da genitori Attivi Bolzano, Gemeinsam/Insieme Adum, WIR NOI, Frei-Netz, la mia Salute non è in vendita, Aktiven Widestand, Cittadini Liberi, Comitati Liberi pensatori e Associazione Internazionale per i Diritti Umani , che hanno lanciato una grande manifestazione sui Prati del Talvera, a Bolzano, domenica 29 agosto alle 16, intitolata “Fuer neue Wege/Cambiamo rotta”. Tra i promotori, l’avvocata Renate Holzeisen, che in un video ha invitato a manifestare per “difendere la Costituzione e i diritti umani fondamentali”.