Home Notizie GREEN PASS SUI POSTI DI LAVORO ARRIVA IL VIA LIBERA DEL GOVERNO

GREEN PASS SUI POSTI DI LAVORO ARRIVA IL VIA LIBERA DEL GOVERNO

93

Green Pass obbligatorio dal 15 ottobre nei luoghi di lavoro pubblici e privati c’è il via libera del Governo.
Oggi si è svolto l’incontro tra governo e regioni per illustrare il decreto che nel pomeriggi ha ricevuto il via libera unanime del Consiglio dei Ministri.
Dal 15 ottobre e fino a fine anno, quando scade lo stato di emergenza, i lavoratori pubblici e privati per poter accedere al posto di lavoro dovranno essere vaccinati, aver un tampone negativo o essere guariti dal Covid da meno di sei mesi.
Previsto l’obbligo anche per colf, baby sitter, badanti e partite iva.
In discussione l’estensione della validità del tampone dal 48 a 72 ore.
Chi lavora in smart working non dovrà avere il green pass.
Le sanzioni per i lavoratori senza certificazione verde sono fino a 1.000 euro, come quelle applicate al mondo della scuola, cioè dopo 5 giorni di assenza è prevista la sospensione senza stipendio. Ma non si potrà essere licenziati.
L’unica differenza è che non si pagheranno i contributi per la sospensione. Se però il dipendente accede al lavoro eludendo il controllo la sanzione diventa pecuniaria e disciplinare. Questo varrà anche per il settore privato
I datori di lavoro sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni.
Confindustria e Associazione Artigiani del Trentino approvano l’introduzione del green pass. Sindacati divisi sui tamponi.
Il governo è al lavoro per garantire tamponi gratuiti per chi non può essere vaccinato per motivi di salute, a prezzi fissi in farmacia 15 euro per gli adulti, 8 euro per i minorenni.