Home Notizie PROCESSO PESTICIDI: L’ULTIMO QUERELANTE NON SI PRESENTA IN AULA

PROCESSO PESTICIDI: L’ULTIMO QUERELANTE NON SI PRESENTA IN AULA

63

Nuovo rinvio del processo per diffamazione nei confronti dei coltivatori di mele altoatesini per la questione dei pesticidi a carico dell’ambientalista Karl Bär, ricercatore in congedo dell’Umweltinstitut di Monaco da poco eletto parlamentare verde al Bundestag tedesco.
Questa mattina durante la quarta udienza l’ultimo querelante, l’agricoltore Tobias Gritsch, non si è presentato in aula per essere sentito come testimone. Il giudice ha quindi disposto il suo accompagnamento coattivo per la prossima udienza, fissata in data 28 gennaio 2022.

All’avvio del processo sui pesticidi, a settembre 2020, le querele per diffamazione contro Karl Bär erano 1376. Tutto era partito dalla campagna lanciata dall’Umweltinstitut di Monaco nell’estate 2017 dal titolo “Pestizidtirol”, finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica sul largo impiego di pesticidi in Alto Adige e al manifesto di denuncia esposto sempre nel 2017 nella fermata della metropolitana di Monaco. La difesa dell’imputato ha depositato una memoria nella quale si spiega che Bär nella ricerca non aveva accusato direttamente nessun agricoltore.