Home Notizie ANCHE LA PROCURA DI VIENNA INDAGA SUL CASO DELLE MASCHERINE CINESI ACQUISTATE...

ANCHE LA PROCURA DI VIENNA INDAGA SUL CASO DELLE MASCHERINE CINESI ACQUISTATE TRAMITE LA DITTA OBERALP

86

Anche l’Austria indaga sulle mascherine cinesi acquistate a inizio pandemia, nel marzo 2020, tramite il gruppo altoatesino Oberalp. I dispositivi di protezione individuale erano stati acquistati dalla Provincia e dalla Asl di Provincia, e dalla Croce rossa austriaca, per far fronte alla prima fase dell’emergenza Covid. Giunte in Europa però le mascherine vennero dichiarate fuori norma, perchè ritenute di scarsa qualità e quindi non utilizzate.

La procura anti- corruzione di Vienna sta indagando autonomamente per quanto riguarda la fornitura alla Croce rossa austriaca, ipotizzando un danno erariale di 15,6 milioni di euro.

“Oltre il danno la beffa”, commenta il legale dell’Oberalp, l’avv. Gerhard Brandstaetter, “dimostreremo che il gruppo ha agito con impegno disinteressato attivando i suoi contatti in Cina, per fare fronte alla drammatica carenza di dispositivi di protezione individuale”.