Home Notizie DAD, IL TRENTINO SEGUE LA SUA VIA, L’ALTO ADIGE SI ALLINEA AL...

DAD, IL TRENTINO SEGUE LA SUA VIA, L’ALTO ADIGE SI ALLINEA AL GOVERNO MA PARTE PRIMA

184

Scuola e pandemia.
Il Trentino si smarca dalle decisioni nazionali.
Nelle scuole dell’infanzia aule aperte fino a quattro casi, poi dal quinto si chiude per 5 giorni. Alle elementari dal quinto contagio si sospende la didattica, sempre per 5 giorni. E questo vale per tutti, a prescindere dallo stato vaccinale dei bambini – le regole nazionali invece prevedono che in dad vadano solo i bambini non vaccinati. Per medie e superiori, dal terzo caso (mentre a livello nazionale dal secondo) andranno in Dad i non vaccinati, mentre chi è protetto potrà restare in classe. E’ attesa per oggi l’ordinanza della Provincia.
Le nuove norme entreranno in vigore lunedì prossimo.

L’Alto Adige si allinea alla linea del governo ma anticipa i tempi.
Ieri ai dirigenti scolastici è stata inviata la circolare che comunica che gli alleggerimetni previsti per quarantene e dad partono già da oggi e non da lunedì, come previsto a livello nazionale.
La durata della didattica a distanza si dimezza da 10 a 5 giorni e riguarderà solo gli alunni positivi e quelli non vaccinati.
Nelle scuole per l’infanzia i bambini restano a casa solo con 5 casi positivi.
Per le primarie la nuova disciplina prevede che le attività didattiche in presenza possano proseguire fino a quattro casi di positività con l’utilizzo di mascherina FFP2 da parte di docenti e alunni con più di 6 anni di età. Dal quinto caso coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni o che sono guariti da meno di 4 mesi o che hanno effettuato la dose di richiamo, proseguono l’attività didattica in presenza. Per tutti gli altri scatta la dad per 5 giorni.
Per la scuola secondaria al secondo caso positivo, restano in classe solo i ragazzi vaccinati o guariti dal covid.