Home Notizie IN TRENTINO CALA LA POPOLAZIONE RESIDENTE. GLI STRANIERI COMPENSANO IN PARTE IL...

IN TRENTINO CALA LA POPOLAZIONE RESIDENTE. GLI STRANIERI COMPENSANO IN PARTE IL CALO DEMOGRAFICO

65

Al 31 dicembre 2020, data della terza edizione del Censimento Istat della popolazione, in Trentino si contano 542.166 residenti. I dati registrano, rispetto all’edizione 2019, un calo di 3.259
residenti. Il 40% dei trentini vive nei 5 comuni con popolazione sopra i 15.000 abitanti: Trento, Rovereto, Pergine Valsugana, Arco e Riva del Garda, che ricoprono circa il 6% del territorio
e dove si registrano i più elevati valori di densità di popolazione.
Le donne rappresentano il 50,8% del totale della popolazione e superano gli uomini di 8.634 unità.
In Trentino l’ età media (stabile rispetto al 2019) è pari a 44,5 anni contro 45,4 della media nazionale. A livello comunale Vignola- Falesina e Calliano sono i due comuni con la popolazione più giovane, con un’età media rispettivamente di 40,4 e 40,7 anni.
All’opposto, i comuni di Castello Tesino e Cinte Tesino hanno la popolazione più anziana con una media che supera i 50 anni e ci sono rispettivamente 428,3 e 300 persone con età superiore a 65 anni ogni 100 ragazzi tra 0 e 14 anni (indice di vecchiaia).
Andalo è invece il comune con il maggior incremento di popolazione (+12,3%) e di residenti stranieri (+207,4%) rispetto al 2019. In termini di popolazione residente, il comune
più piccolo è Massimeno, con 144 abitanti mentre Trento continua a essere il più grande (118.879 abitanti).

In Trentino la presenza degli stranieri, la cui popolazione ammonta a 49.265 residenti, ha parzialmente compensato il calo demografico.
Lo rileva sempre l’Istat. Trento e Rovereto sono i comuni con il maggior numero di stranieri, rispettivamente 14.524 (+4,9% sul 2019) e 4.569 (+1,8%).
I più alti incrementi percentuali si registrano nei comuni di Andalo (+207,4%) e Canazei (+131,3%). Viceversa, i cittadini stranieri risultano in forte diminuzione principalmente nei comuni di Cavizzana (-66,7%), Bressimo, Massimeno e Vignola-Falesina (-50%) e Gamiga Terme (-42,1%).
L’età media della popolazione straniera (34,7 anni) risulta di oltre 10 anni più bassa rispetto a quella della componente italiana (45,5). I comuni con i valori più bassi sono Sagron Mis
(età media 28,3 anni), Croviana (28,4) e Cimone (28,9).