Home Notizie PROCESSO MANFRINI-PERRARO, DOMANI LA SENTENZA

PROCESSO MANFRINI-PERRARO, DOMANI LA SENTENZA

428

E’ attesa per domani la lettura della sentenza della Corte d’ Assise di Trento nel processo d’appello a carico di Marco Manfrini, il cinquantenne roveretano condannato all’ergastolo per l’omicidio della moglie Eleonora Perraro, 43 anni, roveretana, nella notte tra il 4 ed il 5 settembre 2019 nel giardino di un bar di Torbole. In Assise, alla fine di marzo, c’erano gli avvocati, Manfrini era invece in video collegamento dal carcere di Spini di Gardolo. La procuratrice generale Rubini aveva chiesto la conferma della setenza di primo grado, l’ergastolo, ma senza l’isolamento diurno per un anno. Nel pubblico dibattimento in corte d’assise a Trento, difesa e parte civile avevano mantenuto la propria linea. La vittima, allora 43 enne, venne trovata priva di vita con escoriazioni sul corpo e lesioni al volto. Il marito, Marco Manfrini, trovato sul luogo del delitto, sporco di sangue ed in stato confusionale, a seguito di indagini e perizie era stato ritenuto colpevole, fino ad arrivare all’accusa: omicidio volontario aggravato. Per la difesa però gli accertamenti sulle cause della morte della donna erano incompatibili con la rilevata asfissia. L’omicidio sarebbe avvenuto dopo una notte di eccessi, culminati in violenze fisiche, fino alla tragedia finale. La difesa puntava a chiarire l’origine di certe ferite, la loro compatibilità con i morsi del cane della coppia, un cucciolo di labrador che per i famigliari di Eleonora era invece rimasto eroicamente accanto alla padrona fino all’ultimo. La parte civile restava invece ferma sul fine pena mai. Come detto, la decisione dell’ assise è attesa domani.