Home Notizie CONTROLLI NEI CANTIERI EDILI DEL TRENTINO: RILEVATA LA PRESENZA DI LAVORATORI IN...

CONTROLLI NEI CANTIERI EDILI DEL TRENTINO: RILEVATA LA PRESENZA DI LAVORATORI IN NERO

50

Proseguono i controlli dei carabinieri in sinergia con l’Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (U.O.P.S.A.L.) dell’Azienda sanitaria e il Servizio Lavoro della Provincia
all’interno dei cantieri presenti sul territorio.

La scorsa settimana in un cantiere edile a Predazzo, è stata riscontrata la presenza di un operaio non regolarmente assunto.
Nel corso dell’ispezione è anche emerso che il titolare del cantiere, aveva commissionato un particolare lavoro a una ditta esterna che poi è risultata avvalersi di operai “a nero” (3 su 4) due dei quali addirittura privi del permesso di soggiorno valido ai fini lavorativi.
Al titolare dell’impresa commissionaria è stata sospesa l’attività, è stato imposto di regolarizzare la posizione dei propri dipendenti ed è stata elevata una sanzione pari a 2500 €.

Anche a Madonna di Campiglio i Carabinieri hanno notificato un provvedimento di sospensione delle attività, a carico di una impresa edile lombarda, emesso dall’Ufficio Ispettivo del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento. Anche in questo caso nel cantiere è stata riscontrata la presenza di lavoratori irregolari, privi anche del permesso di soggiorno. Su un totale di 5 operai impiegati, 3 non erano in regola.

In entrambi i casi, gli esiti degli accertamenti svolti saranno comunicati anche all’Autorità Giudiziaria, viste le violazioni del Testo Unico sulla immigrazione che disciplina l’assunzione di lavoratori stranieri.