Home Notizie IL PRESIDENTE DEGLI ARTIGIANI SI DICHIARA CONTRO IL SALARIO MINIMO, SCETTICO ANCHE...

IL PRESIDENTE DEGLI ARTIGIANI SI DICHIARA CONTRO IL SALARIO MINIMO, SCETTICO ANCHE L’ASSESSORE SPINELLI

258

“La determinazione del salario deve continuare ad essere affrontata dalla contrattazione collettiva, per non compromettere il delicato equilibrio fra retribuzione, tutele contrattuali e competitività delle imprese che in Italia è garantito da oltre 70 anni da una contrattazione di qualità, estremamente diffusa, con un livello di copertura che non ha nessun altro Paese europeo”.
Questo il pensiero del presidente dell’associazione artigiani del Trentino, Marco Segatta, critico su interventi pubblici vincolanti in materia salariale.
“L’introduzione di un salario minimo legale – sottolinea – è improponibile poiché, nel caso in cui fosse inferiore a quello stabilito dai contratti collettivi ne provocherebbe la disapplicazione e, nel caso in cui fosse più alto, si creerebbe uno squilibrio nella rinegoziazione degli aumenti salariali con incrementi del costo del lavoro non giustificati dall’andamento dell’azienda o del settore”.
Scettico l’assessore al lavoro trentino Achille Spinelli. Ascoltiamolo.