Home Notizie FAUSTO IOB E’ STATO UCCISO. IN CARCERE DAVID DALLAGO BOSCAIOLO DI 37...

FAUSTO IOB E’ STATO UCCISO. IN CARCERE DAVID DALLAGO BOSCAIOLO DI 37 ANNI

482

Fausto Iob è stato assassinato. In carcere con l’accusa di omicidio volontario David Dallago, boscaiolo di 37 anni. Secondo gli inquirenti avrebbe ucciso il custode forestale perché sor-preso a rubare alcuni quintali di legname.
Svolta clamorosa nelle indagini sulla morte di Iob, conosciuto come custode degli orsi di San Romedio, trovato cadavere lo scorso 5 giugno sulle sponde del lago di S. Giustina in valle di Non. L’uomo non è morto per una caduta accidentale o per un malore ma sarebbe stato ucciso. I carabinieri hanno arrestato David Dallago, titolare di una ditta di esboschi, con cui Iob aveva contatti pressoché quotidiani nel cantiere forestale dove sarebbe avvenuto il litigio e dove è stata trovata l’auto di servizio del custode forestale, nella frazione Banco a Sanzeno.
L’ipotesi dell’omicidio, nonostante il riserbo, era stata seguita fin da subito. A non convincere alcuni dettagli: le chiavi dell’auto ancora inserite nel cruscotto, il cellullare distante dal corpo, i vestiti non strappati e infine l’autopsia che ha evidenziato 18 colpi da corpo contundente alla nuca. La morte di Iob risale quasi sicuramente alla giornata del 3 giugno, il giorno prima il boscaiolo era stato sorpreso dal custode forestale a sottrarre del legname proveniente dal patrimonio boschivo pubblico. Ieri il 37enne durante l’interrogatorio di garanzia in carcere si è avvalso della facoltà di non rispondere.
Gli accertamenti sull’omicidio di Fausto Iob continuano. Resta da stabilire se il decesso sia sopravvenuto per i traumi alla testa o per annegamento nel lago di Santa Giustina, dove sarebbe stato gettato il corpo dopo l’aggressione. Si cerca anche l’arma del delitto, anche se ci sono ipotesi abbastanza precise. Manca il martelletto forestale di Iob, strumento che serve per incidere le piante che devono essere tagliate.
Le indagini dei carabinieri proseguono anche con il supporto dei Ris di Parma che analizzeranno gli attrezzi da lavoro e gli abiti dell’indagato. Si attende anche la relazione finale dell’autopsia.