Home Notizie INCENDIO BOSCHIVO A NAGO: BRUCIATI 35 ETTARI. PREOCCUPA IL VENTO

INCENDIO BOSCHIVO A NAGO: BRUCIATI 35 ETTARI. PREOCCUPA IL VENTO

112

Proseguono le operazioni per aver ragione dell’incendio boschivo divampato domenica scorsa sopra l’abitato di Nago, alle pendici del Monte Baldo.
Situazione sotto controllo, ma servirà ancora tempo per spegnere completamente il rogo.
Grande il dispiegamento di vigili del fuoco per aver ragione del rogo che ha raggiunto una estensione di 35 ettari.
Le fiamme si sono sviluppate in una zona al confine tra le campagne e la foresta: alimentate dal vento, si sono propagate nel bosco.
Sulle cause indagano i forestali.
Nel cuore della notte, in via precauzionale, il sindaco Gianni Morandi ha provveduto all’evacuazione di una ventina di persone che si trovavano nelle baite.
Con ordinanza sindacale è stato peraltro interdetto il transito lungo il sentiero 601 e l’accesso alle falesie.
I due elicotteri del Corpo dei vigili del fuoco permanenti che saranno in azione per l’intera giornata, prelevano l’acqua in un’area individuata nei pressi del polo scolastico di Nago, grazie alla collaborazione del locale Consorzio di miglioramento fondiario, mentre al termine di ogni sorvolo il canadair del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco raggiunge il lago di Garda, dove per il momento la Guardia costiera e la Squadra nautica della Polizia di Stato di Riva del Garda ha bloccato gli sport d’acqua.
La centrale del metano viene presidiata costantemente sin dalla scorsa notte dall’ente gestore e dai Vigili del fuoco.