Home Notizie CAMPODAZZO: LA MANCATA INSTALLAZIONE DEL GUARD RAIL ALL’ORIGINE DEL TRAGICO INCIDENTE

CAMPODAZZO: LA MANCATA INSTALLAZIONE DEL GUARD RAIL ALL’ORIGINE DEL TRAGICO INCIDENTE

143

Sarebbe bastato un paletto o un guard rail per salvare la vita ad Alessandro Conti, 23 anni residente di Cavalese e a Giulia Valentini, 28 anni di Baselga di Piné che il 19 novembre 2016 finirono con l’auto nel fiume Isarco dopo un banale tamponamento su una strada secondaria mentre facevano rientro a casa dopo una cena aziendale in un’osteria di Campodazzo.
La 28enne era alla guida della Ford Fiesta che tamponò leggermente l’auto che la precedeva; in seguito all’urto la sua macchina invece di imboccare un ponte di legno andò dritta finendo nel fiume.
Uno scontro a bassa velocità che una qualsiasi barriera stradale avrebbe potuto contenere evitando che il sinistro avesse un esito così tragico.
Il caso in sede penale venne archiviato.
I familiari di Giulia Valentini hanno intrapreso la strada del processo civile ottenendo una sentenza secondo cui l’amministrazione comunale di Fiè allo Sciliar, proprietaria e custode della strada, è stata dichiarata responsabile del sinistro nella misura dell’85%. La responsabilità della ragazza che ha effettuato una manovra errata è stata valutata pari al 15%.
La famiglia di Giulia Valentini sarà risarcita.