Home Notizie ALTO ADIGE, IL MALTEMPO CAUSA DANNI INGENTI

ALTO ADIGE, IL MALTEMPO CAUSA DANNI INGENTI

148

Sopralluoghi tutta la notte. Situazione monitorata con attenzione anche in Alto Adige.
L’ondata di maltempo sulla regione ha prima travolto la provincia di Bolzano per poi spostarsi in Trentino.
In appena un’ora sono caduti giù quasi mille millimetri di pioggia.
“Non chiamatela bomba d’acqua” dicono gli esperti, ma la quantità è quantomeno da evento eccezionale.
Fleres, Valdaora, Val Badia, San Vigilio, Anterselva, Cengles, Val Martello e Brunico le zone più colpite.
Per rispondere con prontezza a questa emergenza sono stati messi in campo 50 corpi dei vigili del fuoco forti di mille pompieri che dal pomeriggio di venerdì hanno lavorato senza sosta, effettuando oltre 200 interventi.
L’unica notizia positiva è che non si sono registrati feriti. Per il resto si contano i danni
Nella zona di Fleres è esondato il torrente Korbbach. Il materiale trasportato dal torrente ha coinvolto alcune case ed una stalla. Nella zona di Sorafurcia di Valdaora alcune auto sono state coinvolte da una frana. Per fortuna gli occupanti delle auto, in parte turisti, hanno potuto abbandonare per tempo le autovetture. In Val Badia è stato evacuato preventivamente un albergo. Gli occupanti sono stati alloggiati in altre strutture nella zona di Brunico. Nella zona di Valdaora sono stati allestiti per sicurezza 50 letti provvisori. A San Vigilio di Marebbe sono stati danneggiati alcuni ponti. Alcune vetture sono rimaste bloccate tra le frane scese sulle strade. Nella zona di Rasun-Anterselva, Cengles e in Val Martello sono cadute numerose frane che non hanno creato particolari danni. A monte di Brunico la briglia Funi si è riempita di materiale trasportato dalla Rienza, proteggendo l’abitato di Brunico.
Sul fronte viabilità è stato necessario chiudere diverse strade. Sulla strada statale della val Badia tra San Martino in Badia e La Valle e tra Piccolino e Pederoa. È stato necessario chiudere anche la strada statale per Cortina, nei pressi di Carbonin. Anche la ferrovia della Val Venosta a Rablà ha dovuto essere chiusa brevemente a causa delle inondazioni. Nel frattempo, i treni sono tornati a circolare.