Home Notizie ISCHIA PODETTI, INCENDIO DOMATO. ESPLOSIONI ALL’ORIGINE DEL ROGO

ISCHIA PODETTI, INCENDIO DOMATO. ESPLOSIONI ALL’ORIGINE DEL ROGO

161

Ischia Podetti, la Provincia di Trento all’1:35 questa notte ha diffuso la comunicazione dello spegnimento dell’incendio scoppiato verso le 18 alla discarica di Ischia Podetti. Da parte dell’ente pubblico (e anche nostra) i ringraziamenti agli oltre 80 Vigili del fuoco del Corpo permanente di Trento e ai volontari di Cognola, Gardolo, Fornace, Lavis, Meano, Ravina, Romagnano, Vigolo Baselga, Sardagna e Sopramonte impegnati nello spegnimento.
Il materiale ammassato nel piazzale della discarica è stato smosso attraverso l’impiego di tre pale meccaniche: un’operazione attraverso la quale è stato scongiurato il rischio che le fiamme si propagassero ulteriormente. L’area è stata illuminata per l’intera notte con le fotoelettriche per consentire ai Vigili del fuoco di monitorare la situazione. Eventuali piccoli focolai che dovessero svilupparsi saranno domati attingendo l’acqua dal fiume Adige. Il Corpo permanente dei Vigili del fuoco e le autorità preposte valuteranno le possibili origini dell’incendio. Le prime chiamate ai soccorsi parlavano di una o più esplosioni che avrebbero innescato il rogo. Contestualmente saranno compiuti gli approfondimenti necessari da parte dell’Appa. A bruciare sarebbero statio degli ingombranti destinati alla raccolta differenziata. Se si trattasse di plastiche, sarebbe alto il rischio diossina, tant’è che ieri a tutti i cittadini dell’area a Nord della discarica – Gardolo, Melta, Meano, Lavis… – è stato consigliato di chiudere le finestre e limitare gli spostamenti. Il fumo sarebbe arrivato fino a Bolzano. I cittadini sono stati invitati anche a non consumare frutta e verdura dagli orti invasi dal fumo, una preoccupazione enorme per i vigneti a Nord del capoluogo e in Piana Rotaliana. L’accesso alla ciclabile resterà interdetto alla cittadinanza anche nelle prossime ore. Terna ha riattivato invece la linea elettrica che passa in prossimità della discarica, dopo la breve sospensione di ieri che peraltro – fa sapere la Provincia – non ha creato alcun disagio alla cittadinanza.