Home Notizie CERIMONIA ALLA KURHAUS DI MERANO PER IL MEZZO SECOLO DEL SECONDO STATUTO...

CERIMONIA ALLA KURHAUS DI MERANO PER IL MEZZO SECOLO DEL SECONDO STATUTO DI AUTONOMIA

111

Cerimonia per i 50 anni del secondo statuto di autonomia, nel pomeriggio al Kurhaus di Merano.
Il 5 settembre 1946 i ministeri esteri di Italia e Austria, Alcide Degaseri e Karl Gruber, firmarono l’accordo di Parigi. Evento che pone le basi dell’autonomia e che, con secondo statuto entrato in vigore nel gennaio 1972, ha posto le basi per uguaglianza e tutela delle minoranze locali.
“L’Autonomia dell’Alto Adige e del Trentino è un esempio per il mondo e dovrebbe essere un modello per la soluzione del conflitto in Ucraina”. E’ il commento di
Romano Prodi a margine della cerimonia per il cinquantesimo anniversario del Secondo Statuto alla Kurhaus di Merano. “La mia presenza non deve stupire – ha aggiunto l’ex presidente del Consiglio -. Ho sempre avuto rapporti buoni costruttivi con Alto Adige e Trentino e ritengo che il percorso di Autonomia costruito in queste terre
sia improntato a una saggezza di cui essere orgogliosi”.
Tra gli interventi di saluto al Kurhaus, quello di Oliver Paasch, primo ministro della comunità di lingua tedesca del Belgio, e Thinlay Chukki, rappresentante del governo tibetano in esilio. A seguire, i presidenti di Tirolo Alto Adige e Trentino. Presenti il ministro dell’economia e delle finanze italiano e il ministro austriaco per l’unione europea e la costituzioni. 400 gli invitati all’evento.
La cerimonia è stata impreziosita dal concerto dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento e dall’esibizione del Coro Giovanile dell’Alto Adige.