Home Notizie OPERAI MORTI SULLA LINEA FERROVIARIA DEL BRENNERO, IL TESTE OGGI IN AULA:...

OPERAI MORTI SULLA LINEA FERROVIARIA DEL BRENNERO, IL TESTE OGGI IN AULA: “SONO STATO COSTRETTO A MENTIRE”

127

Nuova udienza oggi in tribunale a Bolzano del processo per la morte nell’aprile del 2017 di due operai, Salvatore Verolla e Achille De Lisa, che rimasero vittime di un incidente ferroviario a Bressanone lungo la linea del Brennero.
Un treno cantiere, a causa di un guasto ai freni, si schiantò contro un altro convoglio su cui stavano lavorando i due uomini.
A processo, in primo grado, ci sono 7 persone, tra personale dell’azienda e di Rfi, coinvolte a vario titolo nell’organizzazione dei lavori. Devono rispondere in concorso di disastro ferroviario, omicidio colposo plurimo e lesioni personali gravi.
Paolo Masella, il macchinista che quella notte era alla guida della locomotrice, e che inizialmente fu indagato ma poi archiviato, oggi è stato sentito come testimone. In aula ha provato a ricostruire il drammatico incidente. Il convoglio, composto da 49 elementi – ha detto – partì dalla stazione di Bressanone senza che fossero effettuate le prove di verifica dei freni.
“Nei giorni successivi all’incidente uno dei miei superiori mi disse di dichiarare agli inquirenti che la prova freni era stata effettuata, anche se questa circostanza non era vera. Mi disse che, altrimenti, avrei rischiato il licenziamento”. Il funzionario delle ferrovie chiamato in causa dal testimone è uno dei sette imputati.