Home Notizie DROGA DAL BRESCIANO PER LO SPACCIO NELLE PIAZZE TRENTINE: 15 INDAGATI

DROGA DAL BRESCIANO PER LO SPACCIO NELLE PIAZZE TRENTINE: 15 INDAGATI

135

Lotta allo spaccio di droga dall’Alto Garda a Rovereto e fino alla valle di Non. Nei giorni scorsi i carabinieri di Riva del Garda insieme a quelli di Rovereto e Cles hanno effettuato 15 perquisizioni domiciliare e personale nei confronti di altrettanti soggetti, tra italiani, albanese e marocchini, di età compresa tra i 21 ed i 52 anni. Agli indagati è stato anche notificato l’ avviso di conclusione delle indagini preliminari svolte nei loro confronti.
Solo uno di loro svolge attività lavorativa, mentre tutti gli altri risultano disoccupati.
Molti soggetti risultano anche avere precedenti specifici per spaccio di stupefacente.
Chiuse le indagini avviate nella primavera del 2020 in cui erano stati sequestrati 15 chili di hashish e 600 grammi di cocaina e tratte in arresto in flagranza di reato tredici persone.
L’operazione ha permesso di individuare due organizzazioni parallele che si occupavano dello spaccio a Riva del Garda e Rovereto. Lo stupefacente, proveniente dal Bresciano, arrivava in Trentino tramite corrieri che utilizzavano sia auto private che treni regionali.
Fra i clienti vi erano anche professionisti e studenti. La principale sostanza oggetto di spaccio è risultata essere l’hashish, non mancando comunque sostanze come cocaina e marijuana. Gli investigatori hanno calcolato, per le organizzazioni, un volume di affari di circa 500mila euro all’anno. Ogni organizzazione riusciva a ricavare giornalmente in media quasi 1500 euro.