Home Notizie GESTIONE RIFIUTI, PER TONINA L’IMPIANTO PER CHIUDERE IL CICLO E’ NECESSARIO

GESTIONE RIFIUTI, PER TONINA L’IMPIANTO PER CHIUDERE IL CICLO E’ NECESSARIO

113

Gestione rifiuti in Trentino: secondo l’assessore provinciale all’ ambiente Mario Tonina, l’impianto è necessario per chiudere il ciclo dei rifiuti non recuperabili.
Entro la fine dell’anno la giunta individuerà lo scenario di piano più idoneo per il trattamento finale dei rifiuti, approfondendo i temi della localizzazione dell’impianto, l’impatto economico, sanitario ed energetico, il dimensionamento, un possibile scenario alternativo e il futuro della convenzione con Bolzano.
Tonina lo ha comunicato nella seduta del Consiglio provinciale chiesta dalle minoranze e dedicata al 5/o aggiornamento del piano provinciale della gestione dei rifiuti.
Nel frattempo è stato avviato un nuovo servizio di recupero del secco residuo con una gara europea per il trattamento di
ottomila tonnellate di rifiuto indifferenziato in impianti dell’Unione europea e si stanno incrementando i trasferimenti
per conferimenti nei centri di Dalmine, per un totale di 12.000 tonnellate. È stata inoltre rinnovata la convenzione con Bolzano che durerà quattro anni, per il conferimento di 13.000 tonnellate. Per il 2023, si avvierà una gara europea per le 8.000 tonnellate di ingombranti, mentre verranno conferiti a Dalmine e Bolzano 31.000 tonnellate e 24.000 verranno stoccati provvisoriamente a Trento e ai Lavini di Rovereto fino alla realizzazione del catino nord di Ischia Podetti.