Home Notizie BYPASS FERROVIARIO, PER IL TAR DEL LAZIO SI VA AVANTI

BYPASS FERROVIARIO, PER IL TAR DEL LAZIO SI VA AVANTI

131

Bypass ferroviario di Trento, il Tar del Lazio ha respinto il ricorso presentato da un gruppo di cittadini e dal Sindacato di base multicategoriale contro l’iter amministrativo che ha portato all’approvazione del progetto di Rfi. I magistrati hanno ritenuto che attualmente non ci sono le condizioni per bloccare l’opera, “alla luce dello stato in cui versa la procedura (afferente alla fase valutativa delle offerte)”, e considerando anche che nel prosieguo dell’iter dovranno essere monitorati dagli organi competenti tutti i profili incidenti sulle applicazioni ambientali dell’opera.
I ricorrenti si dicono preoccupati in particolare per il passaggio del bypass nei terreni inquinati di Trento Nord ma anche per gli espropri. Dito puntato anche contro la mancanza di considerazione dei percorsi alternativi presentati in fase di discussione del progetto.
Probabile il ricorso al Consiglio di Stato.
La pratica era stata inviata dal Tar di Trento a quello del Lazio per incompatibilità territoriale e perchè il tunnel di base del Brennero figura tra le opere strategiche e finanziate anche dal Pnrr.
Ieri intanto è nato l’Osservatorio per l’ambiente e la sicurezza del lavoro che dovrà vigilare sui lavori per la realizzazione della circonvallazione ferroviaria.
Il Comune ha approvato lo schema di protocollo per l’istituzione dell’organismo che sarà poi sottoscritto dai tre enti interessati al progetto: il Comune stesso, la Provincia e Rete ferroviaria italiana.