Home Notizie INFLAZIONE IL 2022 SI CHIUDE CON UNA STANGATA: IL TRENTINO E’ LA...

INFLAZIONE IL 2022 SI CHIUDE CON UNA STANGATA: IL TRENTINO E’ LA PROVINCIA PIU’ CARA D’ ITALIA

123

L’Istat ha resi noti oggi i dati dell’inflazione tendenziale di dicembre delle regioni e dei capoluoghi di regione e comuni con più di 150 mila abitanti.
In testa alla classifica, Bolzano dove l’inflazione pari a +12,5% (da dicembre 2021 a dicembre 2022), pur essendo “solo” la sesta più alta d’Italia, si traduce nella maggior spesa aggiuntiva, equivalente, in media, a 3.322 euro su base annua.
Sul gradino più basso del podio Trento che con +12,3% ha una spesa supplementare pari a 3.219 euro annui per una famiglia tipo.
La città più virtuosa è Potenza, con un’inflazione del 9,2% e una spesa aggiuntiva per una famiglia tipo pari a “solo” 1817 euro.
In testa alla classifica delle regioni più “costose”, con un’inflazione tendenziale a dicembre pari a +12,3%, il Trentino che registra a famiglia un aggravio medio pari a 3196 euro su base annua. Segue la Lombardia, la regione più risparmiosa è il Basilicata.
Coldiretti nazionale ha stilato la classifica degli aumenti sulla base dati Istat relativi all’inflazione a dicembre, che a livello generale fanno segnare nel 2022 l’aumento più ampio dal 1985, trainati dal rincaro dei beni energetici legato alla guerra in Ucraina che fanno soffrire l’intera filiera, dai campi alle tavole.
Complessivamente la famiglie italiane hanno speso nel 2022 ben 13 miliardi in più per prodotti alimentari e bevande analcoliche a causa di un aumento medio dell’inflazione del 9,1%, con la classifica degli aumenti che è guidata da pane, pasta e cereali davanti a verdure e carni. Al quarto posto ci sono latte formaggi e uova.
Chiudono la classifica degli aumenti a zucchero, confetture, miele, cioccolato e dolci e sale, condimenti e alimenti per bambini.

“Servono rimedi immediati e un rilancio degli strumenti europei e nazionali che assicurino la sovranità alimentare, riducano la dipendenza dall’estero e garantiscono un giusto prezzo degli alimenti per produttori e consumatori” afferma il presidente di Coldiretti Trentino Alto Adige Gianluca Barbacovi.