Home Notizie “IO APRO”. ASSOLTO IL RISTORATORE ARTURO BRUNO CHE AVEVA VIOLATO IL LOCKDOWN

“IO APRO”. ASSOLTO IL RISTORATORE ARTURO BRUNO CHE AVEVA VIOLATO IL LOCKDOWN

724

Alle Forze dell’ordine che, un giorno sì e uno pure, passavano a multare lui e i suoi avventori, mostrava la Costituzione. Non si è mai piegato a lockdown, chiusure anticipate e green pass, il ristoratore trentino di origine peruviana Arturo Bruno. E a chi gli chideva se non fosse preoccupato per la pila di contravvenzioni e denunce sempre più alta dietro al banco della Mesa Verde, rispondeva con ottimismo: “il lavoro è un diritto, non voglio discriminare i miei clienti, il giudice mi assolverà”. E alla fine, ha avuto ragione: il giudice Tamburrino lo ha assolto dall’aver disubbidito all’autorità, perché un decreto successivo a quello della sua condanna ne ha depenalizzato il reato.” Il pm” – ha dichiarato l’avvocato Lorenzo Nannelli, legale di fiducia del movimento nazionale Io Apro – di cui Bruno era stato uno dei primi esponenti – “non avrebbe nemmeno dovuto incriminarlo” . Assolto anche il padre Juan, mentre l’udienza per la sorella di Arturo, Janina – la cui posizione era più delicata per aver materialmente strappato i sigilli dalla porta del ristorante – è stata rimandata a maggio. A festeggiare, fuori dal tribunale, una ventina di esponenti della aps UniAMOci Trentino. “Oggi è un bella giornata” – ha commentato la presidente Laura Tondini – “giustizia è stata fatta. Il lockdown ha consentito di accelerare sulle vendite online e la digitalizzazione, ingrassando l’E-commerce a scapito dei piccoli imprenditori come Arturo, e creando una devastazione economica, scolastica e psicologica che ci vorranno anni a rimarginare.”