Home Notizie SOCCORSO ALPINO: GRANDE LAVORO IERI PER LE TANTE CHIAMATE DI SOCCORSO DA...

SOCCORSO ALPINO: GRANDE LAVORO IERI PER LE TANTE CHIAMATE DI SOCCORSO DA TUTTO IL TERRITORIO

228

Giornata di grande lavoro ieri per il soccorso alpino che è stato chiamato per numerosi interventi.
L’ultimo si è concluso poco dopo le 20. Due escursionisti di 23 e 30 anni si sono trovati in difficoltà nella neve alta che li faceva sprofondare e hanno chiamato i soccorsi mentre percorrevano il sentiero a monte di Malga Ritorto in val Rendena a 1.900 metri di quota. Raggiunti da tre soccorritori sono stati dotati di attrezzatura per la discesa su terreno innevato, di cui erano sprovvisti, e quindi accompagnati a valle in sicurezza fino a Sant’Antonio di Mavignola, dove avevano la macchina.

Sempre nella stessa zona è arrivata una chiamata per prestare soccorso ad una donna che si era infortunata alla caviglia durante un’escursione con le ciaspole e non riusciva più a proseguire.
E’ stata raggiunta e portato a valle.

Intorno alle 13 la Centrale Unica di Trentino Emergenza è stata allertata per un’escursionista che si è infortunata ad un ginocchio mentre si trovava su un sentiero in Val Terragnolo nei pressi della località Valduga. Anche in questo caso la donna è stata raggiunta e trasferita in ambulanza all’ospedale.
Poco dopo due escursionisti hanno chiamato i soccorsi perché in difficoltà sul sentiero ghiacciato nella zona del Pian Pecei, nei pressi del Ciampedie in Val di Fassa. I due sono stati raggiunti dagli operatori della Stazione Centro Fassa e aiutati a rientrare a valle in sicurezza.

Prima delle 13 invece l’elicottero è intervenuto per prestare aiuto ad uno scialpinista che si è infortunato ad un arto nel gruppo dell’Ortles Cevedale, nella zona del rifugio Casati.
L’uomo è stato soccorso ed elitrasportato all’ospedale di Sondalo in provincia di Sondrio.