Home Notizie MORTE DI MARIA ROSCA A RIVA DEL GARDA: IL COMPAGNO DOPO UN...

MORTE DI MARIA ROSCA A RIVA DEL GARDA: IL COMPAGNO DOPO UN ANNO DI INDAGINI E’ STATO DENUNCIATO CON L’ACCUSA DI OMICIDIO

423

Quello che sembrava un incidente per la questura è un femminicidio.
Dopo oltre un anno di indagini ed accertamenti il compagno della donna è stato rinviato a giudizio con l’accusa di omicidio. E’ stato denunciato a piede libero.
La vittima Maria Rosca, 47 anni, era stata trovata in strada dopo quella che sembrava a tutti gli effetti una caduta dal terzo piano di uno stabile in via Fiume a Riva del Garda; qualche ora dopo era deceduta all’ospedale di Trento per la gravità delle ferite riportate. Il convivente della donna, che era presente nell’appartamento al momento della caduta, aveva raccontato alla polizia alcuni dettagli che erano sembrati contraddittori e dunque erano scattate le indagini.
Determinante nella decisione del rinvio a giudizio è stata l’ analisi di un filmato recuperato dagli investigatori, comprensivo di audio, nel quale si sentono le voci di due persone che nei secondi immediatamente precedenti alla caduta della donna litigano violentemente.
Le investigazioni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Rovereto, sono poi proseguite, anche con l’ausilio di periti nominati dal pubblico ministero, per tutto il 2022, permettendo di acquisire ulteriori e molteplici indizi di reato a carico dell’uomo, confutando la ricostruzione iniziale fatta dall’indagato.