Home Notizie IL PADRE DI ANDREA PAPI: NESSUNA VENDETTA, MA GIUSTIZIA

IL PADRE DI ANDREA PAPI: NESSUNA VENDETTA, MA GIUSTIZIA

601

“Pretendiamo un’assunzione morale di responsabilità da parte di chi per quasi un quarto di secolo ha gestito gli orsi in Trentino, spingendo tutti nel disastro a cui assistiamo”.

Sono le parole, riportate oggi dal quotidiano Repubblica, di Carlo Papi, il padre di Andrea, il giovane runner ucciso nei boschi di Caldes dall’orsa JJ4.

“La vita dell’orsa JJ4 non ci restituirà nostro figlio. Troppo comodo cercare di chiudere questa tragedia eliminando un animale, a cui non può essere imputata la volontà di uccidere. Non ci interessano i trofei della politica: noi pretendiamo che ad Andrea venga restituita dignità e riconosciuta giustizia”, ha detto Carlo Papi che aspetta le scuse e dice che in questi anni è mancata una vera informazione alla popolazione.

“Confidiamo nella Procura di Trento e nei nostri avvocati: il governo attuale della Provincia, come quelli che l’hanno,preceduto, hanno il dovere di chiarire, assieme allo Stato, se è stato fatto il possibile per garantire la sicurezza”, ha ribadito il padre di Andrea Papi.