Home Notizie VENERDI’ MELONI A TRENTO, CONTESTAZIONE DI CUB E SBM

VENERDI’ MELONI A TRENTO, CONTESTAZIONE DI CUB E SBM

359

Tra gli ospiti più attesi del Festival dell’Economia di quest’anno, il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che dialogherà alle 12.00 di venerdì 26 maggio al Teatro Sociale di Trento con Maria Latella, giornalista Sky e Radio 24 sul tema “L’Italia che vorrei”. Un incontro che avrà la sua nemesi nel presidio di protesta annunciato da CUB e SBM per lo stesso giorno alle 11 all’angolo tra Via Manci e Via Oss Mazzurana, il punto più vicino al teatro concesso da questura e prefettura. “Contro il festival del futuro di guerra, devastazione e povertà” – titolano i due sindacati di base. “Il governo Meloni, in continuità col precedente del banchiere Mario Draghi, persiste nel destinare risorse pubbliche alla guerra in Ucraina e a grandi opere inutili che devastano intere aree geografiche del paese (a Trento, 1,27 miliardi per una disastrosa quanto insensata circonvallazione ferroviaria solo per le merci dentro la città), mentre incrementa i processi di digitalizzazione per la schedatura e il controllo della popolazione e svende settori strategici alle multinazionali estere. Nel contempo, i salari dei lavoratori continuano a perdere potere d’acquisto, l’inflazione aumenta, crescono età pensionabile e tassi di disoccupazione, si elimina il reddito di cittadinanza classificandolo come “rendita parassitaria”, si smantellano servizi pubblici come scuola, sanità, trasporti, assistenza e previdenza. Tutto questo, in nome del becero asservimento della politica alla finanza e a multinazionali e sovrastrutture internazionali.