Home Notizie INCHIESTA BYPASS, LE PAROLE DEL SINDACO DI TRENTO

INCHIESTA BYPASS, LE PAROLE DEL SINDACO DI TRENTO

398

La procura di Trento ha aperto un fascicolo contro ignoti con le ipotesi di inquinamento e disastro ambientale per i lavori al bypass ferroviario.
L’obiettivo è verificare la situazione pregressa e attuare ogni possibile attività per scongiurare ulteriori ripercussioni e danni.

Nel primo pomeriggio le parole del primo cittadino Franco Ianeselli affidate a una nota stampa:

“Proprio perché questa amministrazione è a favore della realizzazione di un’opera che ritiene importante per il futuro della città, ogni controllo, verifica, ogni attenzione che la cittadinanza, le amministrazioni, i poteri pubblici rivolgono al corretto svolgimento dei lavori, alla trasparenza dei procedimenti amministrativi, alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica è importante e positiva.

Come Comune di Trento, anche su spinta dei comitati di cittadini, abbiamo più volte scritto e manifestato a Rfi l’importanza di questa impostazione. Lo ribadiamo con forza anche oggi. Perché accogliere un’opera in quanto convinti del suo valore non significa abbassare la guardia, fare le cose di fretta o dimenticare cosa sono la Sloi e la Carbochimica per la nostra comunità.

Anche se ci sono giorni in cui sembrerebbe più facile pensare di rinunciare o manifestare contrarietà sapendo poi che tanto il prosieguo o meno del cantiere non dipende dal Comune, rimaniamo convinti che il nostro impegno debba essere indirizzato affinché quest’opera si faccia e si faccia bene, con il minimo dei disagi e il massimo delle garanzie per la popolazione. Le responsabilità e le competenze della Provincia in materia di protezione ambientale rappresentano, in questo senso, la prima garanzia.

Come per la bonifica delle rogge di Trento Nord, primo passo di un disinquinamento atteso da decenni, intervenire comporta sempre problemi e criticità. Ma l’alternativa di lasciare tutto com’è, confidando che ci pensino poi altri, più avanti, riteniamo che Trento non possa più permettersela”.