Home Notizie MONTE ALTISSIMO, LIBERATA AQUILA REALE

MONTE ALTISSIMO, LIBERATA AQUILA REALE

198

Un’aquila reale è tornata a spiccare il volo dal Monte Altissimo, dopo tre mesi di cure nel Centro recupero animali selvatici (Cras) della Provincia autonoma di Trento.
Il rilascio è avvenuto a 2.060 metri di quota, a cura del personale del Servizio faunistico e del Corpo forestale trentino.
Il rapace si era ferito a causa dell’impatto con un cavo dell’alta tensione: era stato recuperato lo scorso 22 aprile sul monte Baldo, in località Piazzina di Ala. L’animale – un maschio adulto – era stato notato a terra in evidente stato di difficoltà dal signor Karlheinz Goller durante un’escursione. A seguito della chiamata al numero unico di emergenza 112, sul posto era intervenuto il personale della Stazione forestale di Mori: il luogo particolarmente impervio era stato individuato grazie alle coordinate satellitari.
Per la liberazione è stato scelto il Monte Altissimo, in comune di Brentonico, un luogo non lontano da quello del ritrovamento, perché il ritorno in un ambiente già conosciuto può facilitare il suo reinserimento.