Home Notizie LAVARONE, IL DRAGO DI VAIA DIVORATO DALLE FIAMME

LAVARONE, IL DRAGO DI VAIA DIVORATO DALLE FIAMME

265

Il celebre Drago di Vaia non c’è più.
L’opera d’arte realizzata sull’Alpe Cimbra dallo scultore veneto Marco Martalar è stata completamente distrutta dalla fiamme.
L’allarme è scattato ieri sera attorno alle 22. Le fiamme erano ben visibili da lontano.
Al lavoro i vigili del fuoco di Lavarone. Sulle origini dell’incendio indagano le forze dell’ordine. Non si esclude la pista dolosa.
Alta sei metri e lunga 7, l’opera è stata costruita nel 2021, con gli scarti di legno degli alberi abbattuti dalla tempesta Vaia nel 2018: 2mila pezzi di larice, 3mila viti, un mese di lavoro.
Sull’altopiano è già partita una raccolta fondi per ricostruirlo, ma lo scultore Marco Martalar commenta: “Quel legno lì non torna più”.
Il suo impegno artistico prosegue: il 9 settembre a Castel Tesino sarà inaugurato il Grifone.