Home Notizie CICALE SUL MONTE BALDO A 1700 METRI, COLPA DEL CALDO

CICALE SUL MONTE BALDO A 1700 METRI, COLPA DEL CALDO

220

I botanici della Fondazione Museo Civico di Rovereto hanno documentato e registrato il canto di alcune cicale a ben 1700 metri, sul Monte Baldo, in una zona tipicamente alpina dominata dal pino mugo, dove questa specie di insetti non era presente. Le cicale giocano un ruolo importante negli ecosistemi terrestri e sono da anni sotto la lente degli entomologi perché il loro comportamento sembra stia cambiando in varie aree del pianeta per effetto del cambiamento climatico. “Un aspetto da monitorare ”, commenta Filippo Maria Buzzetti, entomologo del Museo Civico “se questi insetti sono tipicamente presenti nelle regioni calde e temperate del pianeta, la loro comparsa a nuove e più elevate latitudini può essere indice di temperature che in quelle nuove aree di presenza si stanno facendo meno rigide”. è ciò che è stato documentato dal Museo sul Baldo mercoledì 16 agosto 2023”.