Home Notizie EUROPEI DI VOLLEY, LAVIA E MICHIELETTO PROTAGONISTI DELLA VITTORIA CONTRO LA SERBIA,...

EUROPEI DI VOLLEY, LAVIA E MICHIELETTO PROTAGONISTI DELLA VITTORIA CONTRO LA SERBIA, ITALIA AGLI OTTAVI

272

Prosegue la marcia degli azzurri di Fefè De Giorgi nel girone eliminatorio dell’europeo di volley. A Perugia, l’Italia ha battuto anche la Serbia per 3 set a 0, dopo aver regolato Belgio ed Estonia. Contro l’avversaria di livello, il sestetto capitanato dall’ex enfant prodige regionale Simone Giannelli – autore anche di 6 punti personali oltre che di una spettacolare regia che ha messo i compagni nelle migliori condizioni di attacco – ha messo subito in chiaro la propria forza, andando a vincere il primo set per 25-15. Più combattuti secondo e terzo parziale (25-22 e 25-20), con Michieletto protagonista in battuta (5 aces e 12 punti personali) e Lavia miglior marcatore del match (13 punti). Con questo successo, l’Italvolley si qualifica per gli ottavi di finale con 2 giornate di anticipo. Prossimo match, lunedì sera alle 21:15 al PalaRossini di Ancona contro la Svizzera, sconfitta ieri a Perugia dalla Germania per 3-0. Niente da fare invece per le ragazze, che dopo 7 vittorie consecutive, al momento del primo match da dentro o fuori hanno perso la bussola: le azzurre, avanti 2-1 con la Turchia nella semifinale del loro europeo (15-18; 23-25; 25-15) si sono fatte rimontare nel quarto set (22-25) ed hanno perso 6-15 un tie break senza storia, in parte condizionato dalla “torcida” turca sugli spalti che ha sostituito il pubblico azzurro su cui Sylla e compagne avevano potuto contare nella prima fase della competizione. In finale le turche se la vedranno con la Serbia che ha superato l’Olanda. Miglior marcatrice italiana, Paola Egonu con 25 punti che non sono bastati però a regalare all’Italia la qualificazione a Parigi 2024. Domenica 3 settembre a Bruxelles alle 20 la finale Serbia-Turchia e alle 16:30 la finalina 3°-4° posto in cui le ragazze di Mazzanti andranno a caccia della medaglia di bronzo contro l’Olanda.