Home Notizie ALTO ADIGE, INCHIESTA MASCHERINE CINESI: LA PROCURA CHIEDE IL RINVIO A GIUDIZIO...

ALTO ADIGE, INCHIESTA MASCHERINE CINESI: LA PROCURA CHIEDE IL RINVIO A GIUDIZIO PER ZERZER, ENGL E FRANZONI

393

La Procura di Bolzano ha chiesto il rinvio a giudizio per il direttore generale dell’Azienda sanitaria altoatesina (Asl), Florian Zerzer, per il responsabile dell’unità Covid, Patrick Franzoni, e per l’amministratore delegato del gruppo Oberalp, Christoph Engl e per il gruppo Oberalp stesso. A tutti e tre è contestata l’ipotesi di reato di frode nelle pubbliche forniture ai danni dell’Asl, a Engl anche quella di truffa e frode nelle pubbliche forniture ai danni di Asl e Protezione civile nazionale. A Franzoni viene contestata anche truffa all’Asl e false attestazioni per alcune omesse timbrature dell’uscita dal lavoro. Per Oberalp, la Procura ipotizza un illecito amministrativo “per non aver predisposto alcun modello di organizzazione preventivo idoneo a evitare la commissione di reati del tipo di quelli realizzati”.
Sono state stralciate le ipotesi di reato di turbata libertà degli incanti ipotizzate in un primo momento per Zerzer e Engl e quella di frode nelle pubbliche forniture in danno a Croce rossa austriaca e Land Tirol ipotizzate per Engl.
Ricordiamo che l’inchiesta è scaturita in seguito alla fornitura di mascherine importati dalla Cina dalla Provincia di Bolzano tramite l’azienda Oberal, durante i primi mesi della pandemia, che poi si erano rivelate inutilizzabili a causa della mancanza di alcune certificazioni.