Home Notizie DUE FERITI GRAVI PER I BOTTI DI CAPODANNO, 800 GLI ACCESSI NEI...

DUE FERITI GRAVI PER I BOTTI DI CAPODANNO, 800 GLI ACCESSI NEI PRONTO SOCCORSO

168

E’ stata una festa di Capodanno bagnata dalla pioggia nelle città della Regione.
Quasi 800 gli accessi nei pronto soccorso del Trentino fino a mezzanotte, più di 250 solo a Trento, altri 20 nella notte.
Poco prima della mezzanotte in via Maccani un ragazzo di 27 di origine moldava, ma residente da tempo a Trento, ha perso una mano a causa dell’esplosione di un petardo mentre si trovava con un gruppo di coetanei nella zona Nord della città.
Gravi lesioni a una mano anche per un 55enne marocchino accompagnato alla clinica specializzata di Peschiera.
Sempre in città vengono segnalati altri due interventi per soccorrere altrettanti giovani che, mentre facevano esplodere i “botti”, hanno rimediato escoriazioni e bruciature alle mani e hanno dovuto essere medicati.
Gli operatori sono intervenuti in tre o quattro occasioni per calmare alcuni ragazzi un po’ sopra le righe che facevano esplodere petardi vicino alle persone.
Uno di questi, un marocchino richiedente asilo di 23 anni, è stato
portato in Questura e denunciato per resistenza.
Servizio di controllo delle forze dell’ordine, anche con l’Ufficio mobile, in piazza Sissi a Madonna di Campiglio, dove fino alle tre e mezza circa si sono radunate 7.000 persone.
Curioso intervento, infine, attorno all’1.30, quando è arrivata in centrale operativa la chiamata di una donna allarmata perché aveva notato le papere che vivono nel laghetto di piazza Dante allontanarsi spaventate dalle esplosioni dei petardi.
Una Volante ha raggiunto il parco e gli operatori hanno recuperato i volatili.