Home Notizie L’ITAS CHIUDE CON UNA SCONFITTA INDOLORE

L’ITAS CHIUDE CON UNA SCONFITTA INDOLORE

86

Termina con una sconfitta in casa contro Padova per 1-3, la regular season dell’Itas Trentino che già certa del primo posto acquisito, ha dato spazio alle seconde linee. Mister Soli ha preferito non rischiare nulla, ed è partito con un sestetto del tutto inedito con Acquarone in regia, Nelli opposto, Cavuto e Magalini schiacciatori, D’Heer e Berger al centro e Pace libero. La squadra B non ha affatto demeritato nei primi due parziali contro una formazione ospite che a sua volta non aveva nulla da perdere nè da guadagnare, certa del decimo posto, ovvero salvezza conquistata e possibilità di giocarsi i play off per il quinto posto. I giovani trentini sono rimasti avanti per buona parte del primo set (5-4, 11-7, 16-15) ma non hanno avuto il killer istinct per chiuderlo a proprio vantaggio, con Padova più precisa sulle palle decisive che ha chiuso alla prima occasione 23-25. Nel secondo parziale, grazie a un Nelli scatenato, l’Itas ha pareggiato 25-21, ma nel terzo set l’adrenalina dei trentini è calata, mentre gli ospiti hanno mantenuto un passo regolare nel loro ritmo di gioco, riuscendo ad avere la meglio per 19-25. Nel quarto e decisivo parziale si è vista ancora una buona Itas fino al 9-9, poi Porro e compagni hanno preso il largo (9-13, 10-16, 16-23). L’Itas ha avuto un sussulto finale riuscendo a recuperare 3 punti forzando in battuta (19-23), ma senza riuscire a ricucire del tutto lo strappo. In campo si sono visti per larghi tratti anche i baby Bernardis e Bristot, che non hanno demeritato. Ora attenzione puntata sull’inizio dei play off, mercoledì 6 marzo al Palatrento alle 20:30 contro Modena per gara-1 dei quarti che si giocheranno al meglio delle 5 partite. L’obiettivo è di allungare la stagione abbastanza per vedere il rientro di Riccardo Sbertoli, che lunedì sarà operato per ridurre la frattura scomposta al mignolo rimediata nel ritorno di Champions League con Berlino. Servirà almeno un mese, al palleggiatore titolare, per sperare di rientrare in campo. Nel frattempo, la squadra sarà sulle spalle di Alessandro Acquarone, pronto a giocarsi l’occasione della vita.