Home Notizie FIERA DI SAN GIUSEPPE. TRENTO SALUTA LA PRIMAVERA SENZA PARTICOLARI DISAGI ALLA...

FIERA DI SAN GIUSEPPE. TRENTO SALUTA LA PRIMAVERA SENZA PARTICOLARI DISAGI ALLA VIABILITA’

127

Dal 1900 è l’evento che annuncia il ritorno della bella stagione, segnando anche l’inizio della semina. Con 500 bancarelle la fiera di San Giuseppe festeggia la nuova primavera. Un appuntamento atteso, tradizione imperdibile ancora dopo tanti anni che richiama nel capoluogo trentino migliaia di persone da tutta la provincia e non solo. Grande l’offerta negli stand allestiti in tutto il centro storico cittadino. Gente attirata anche dalla 77esima edizione Mostra dell’agricoltura, dove i bambini hanno preso d’assalto gli stand degli animali. Ma come ogni anno, ad andare a ruba a San Giuseppe sono stati soprattutto fiori, piante e germogli. Per molti un rituale di buon auspicio è comprare un pesco o un ciliegio, per addobbarlo con le uova durante la Pasqua prima di interrarlo in giardino.
Un’affluenza non da record quella di quest’anno. Per gli agenti della polizia locale una giornata tutto sommato tranquilla nonostante le preoccupazioni pre-evento. Nonostante l’assenza di uno storico parcheggio come l’ex sit, e i 300 posti persi nell’ex area Zuffo per il Luna Park la viabilità cittadina ha retto il colpo. A dar manforte i parcheggi messi a disposizione dagli istituti Salesiani, Tambosi, Bresadola, Rosmini e Manzoni e le corse raddoppiate di molte linee urbane con autobus attivi ogni mezz’ora dalle 9 alle 18. Una richiesta fatta espressamente dal Comune a Trentino trasporti, memore dei disservizi registrati durante il periodo di carnevale quando, tra le polemiche, l’azienda provinciale per mancanza di personale era stata costretta a ridurre il numero delle corse.