Home Rubriche Notizie Cimbre GIORNATA EUROPEA DEI MULINI, APERTI ANCHE GLI OPIFICI SULL’ALPE CIMBRA

GIORNATA EUROPEA DEI MULINI, APERTI ANCHE GLI OPIFICI SULL’ALPE CIMBRA

39

Successo per le “Giornate Europee dei Mulini”, che si sono svolte lo scorso fine settimana anche in Trentino. Sono stati 29 gli opifici aperti al pubblico, tra mulini, segherie e fucine.

Le visite guidate hanno svelato ruote idrauliche e meccanismi, il ruolo dell’acqua nella produzione di farina, di assi per lavori di carpenteria e falegnameria, e di strumenti in ferro battuto.

Obiettivo delle giornate è presentare al pubblico un patrimonio architettonico, tecnologico e culturale importante, sensibilizzare alla salvaguardia dei mulini storici, proporre forme di turismo educativo incentivando la conoscenza di siti ambientali di pregio e, non ultimo, rilanciare un’attività molitoria capace di trasformare in farina i grani che provengono dalle coltivazioni biologiche ormai molto diffuse sul territorio trentino

In Trentino sono rimasti esempi di opifici idraulici che un tempo venivano costruiti a grappolo lungo i corsi d’acqua; 4 sono le fucine aperte; 7 le segherie, 18 i mulini, di cui 4 ancora macinano farina: il Mulino Moser Pressa a Baselga di Piné, il Mulino Lenzi a Palù del Fèrsina, il Mulino Zeni a Brentonico e il Molino Pellegrini a Varone.

Sugli Altipiani cimbri hanno aperto al pubblico il Mulino Rella a Mezzomonte di Fogaria, la Segheria dei Mein a San Sebastiano di Folgaria e il Mulino Cuel sempre a San Sebastiano di Folgaria.

(foto: Apt Alpe cimbra)